RSS

TONY ROBBINS, SANTONE LAICO

29 Set

anthony-robbins1

 

Ho avuto la grande fortuna di trascorrere quattro giorni di una intesità incredibile con il formatore, il coach numero uno al mondo: Antony Robbins. E voglio condividere con voi alcuni miei pensieri, riflessioni scritte a caldo durante il corso dell’evento.

Tony, a mio parere, è il nuovo indiscusso leader, o meglio Santone di una religione laica, una religione ispirata dall’uomo ed rivolta alle sue risorse interiori. Il seminario “Y.P.W.” è un incredibile rito collettivo, una sorta di via iniziatica, sul modello dei riti tribali. Un rituale in cui si fondono tradizioni, culture, tecnologie, esperienze diversissime. Tony Robbins è riuscito a creare un mix tra la PNL, lo sciamanesimo, la filosofia orientale ed a dargli una dimensione pratica, accessibile. La messa laica, il rito ispira e chiaramente non risolve. Innesca un meccanismo che costituisce solo la miccia di un cambiamento. A mio parere controindicato rispetto a situazioni estremamente complicate o drammatiche. Di questo uomo speciale sono due i doni che ritengo al di sopra della media: la sua energia e la capacità di leggere le emozioni ed aggregare sulla via di una fratellanza cosmica. Il suo livello energetico è pari a quello di uno sciamano, sembra veramente che riceva energia da una fonte divina. Regge anche 12 ore consecutive di performance! Sempre allo stesso ritmo, ha la resistenza di un maratoneta. Ed ha un livello energetico così elevato anche emotivamente. Tony riesce a toccarti dentro, a smuovere le emozioni ancestrali. Oltre a questo Tony è un grande uomo di business, ed un grande comunicatore pubblicitario..

Per concludere: Tony va a coprire dei vuoti della nostra società denaro-centrica, in cui l’uomo è stato annichilito, masticato e rigettato. In cui mancano personalità di riferimento, che si curino dell’interiorità dell’uomo qualsiasi, che diano suggerimenti per vivere una esistenza più sostenibile.

Tony sarà ancora a Roma il prossimo anno..

Annunci
 

Tag: , , , ,

7 risposte a “TONY ROBBINS, SANTONE LAICO

  1. fabrizio

    30 settembre 2009 at 4:31 PM

    A volte capita, nella vita, di partecipare ad un corso, anzi ad un seminario, fisicamente molto impegnativo, con orari davvero fuori dal mondo. E’ finita adesso, pensi, l’altroieri sei stato in quella sala enorme dal mattino presto fino a mezzanotte(!), ieri fino all’una(di notte naturalmente!!). Sono le otto di sera, non vedi l’ora di parcheggiare l’auto e, finalmente, di ricongiungerti ai tuoi cari e di consumare un pasto come si deve. L’ultimo ostacolo da superare si materializza però in una macchina ferma in mezzo alla carreggiata, proprio nel punto in cui a te serve accedere per parcheggiare. Lasci passare qualche istante, poi lampeggi con gentilezza, ma quella grossa auto proprio non ne vuol sapere di imprimersi il moto, sembra quasi piantata sull’asfalto.
    Cosa fà si che, invece di attaccarti al clacson, bofonchiare fra te e te imprecazioni ed insulti e magari riversarle al reo di cotale misfatto, tu prova ad accostare a quell’auto e, con il tuo sorriso più sincero ed empatico, a chiedere:”C’è qualche problema?”. Magari ha l’auto in panne, pensi, ed ha avuto una giornata più faticosa della mia, oppure sta attendendo un familiare che ha problemi di salute.
    Cosa fà si che, una volta rientrato in casa e preso posto a tavola, invece di abbuffarti(e ne avresti ben donde, visto che durante i giorni del seminario hai mangiato assai poco), di fagocitare cibi che siano il più grassi e saporiti possibili, come solitamente fai, tu riesca a trovare naturale nutrire il tuo corpo con qualcosa di fresco e sano, e piacevole alzarti dal desco senza sentirti acido ed appesantito? Si certo, durante il seminario si è parlato anche di principi nutrizionali ecc.ecc.,ma dopotutto la sapevi da un bel pezzo che, rimpinzandoti di carne,formaggi ed insaccati, stavi facendo la corte a diverse, poco seducenti malattie.
    Cosa fà si che, al mattino seguente, in ufficio, al dirigente arrogante al quale hai fatto notare una tua divergenza d’opinione che ti piacerebbe motivare, e che con tono saccente e svalutante ti dice”Bene..ho preso atto che la pensi in modo diverso..se adesso mi fai andare avanti..”, ebbene cosa fa si che, invece di farti prendere dal nervosismo, o dalla rabbia restandotene come al solito in silenzio a roderti il fegato, tu riesca stavolta ad essere assertivo, e con il tuo tono più costruttivo e determinato a replicare”Guarda,io ho il massimo rispetto per il tuo ruolo..tuttavia mi piacerebbe avere la possibilità di esprimere il mio punto di vista sul perché ho un’idea diversa..”.
    Cosa fa si che..tutte queste cose?
    E’ questa l’essenza, secondo me, della straordinaria esperienza emotiva che si compie durante un seminario di Tony Robbins e che la sua incredibile personalità ed energia innescano. Le abitudini e le reazioni che quasi quotidianamente sperimenti pur conoscendone benissimo l’inefficacia, ma che continuano ad esercitare un potere su di te, sembrano improvvisamente perderne. A scapito di una forza contraria, una forza che in realtà già possiedi, che è dentro di te; ecco, Robbins fa da sveglia di questa forza sonnecchiante. La forza i cui carcerieri sono le nostre abitudini radicate, i nostri pregiudizi, le nostre razionalizzazioni. E lo fa nel modo più efficace possibile, aggirando cioè la gendarmeria razionale posta a presidio della nostra mente, e riuscendo ad arrivare alla nostra parte più autentica e profonda, quella che ogni giorno ci guida e che rappresenta le nostre configurazioni, la nostra gestalt. Questo mediante l’eccellente combinazione di uno straordinario talento personale, e gli “attrezzi del mestiere”quali la comunicazione multisensoriale, la visualizzazione, le metafore e le storie esemplari, tutti ami in grado di far abboccare l’emisfero destro del cervello, la nostra mente sognante.
    Cosicché astenersi dal provare rabbia lungo la via di casa per il parcheggio, ingordigia e frustrazione a tavola, ansia ed ostilità in ufficio, sembrano esser magicamente diventate opzioni orchestrate non più dal solo senso di volontà, ma da un’inclinazione spontanea e naturale.
    Si fà non ciò che si deve fare(ricordate l’esempio dei cibi dannosi? Spesso sapere ciò che sarebbe meglio fare non fa conseguire che ciò venga fatto), fare appello alla forza di volontà è una chiamata fiacca, debole. Si fà ciò che ci si sente di fare, perché qualcosa è accaduto dentro di noi, perché il cuore, non solo la mente, è stato raggiunto.
    Questo è garanzia di un benessere totale e duraturo? Certo che no, sarebbe troppo bello!
    Diciamo che le opzioni a nostra disposizione per padroneggiare la nostra vita, il nostro menù di scelte, si è arricchito di nuove pietanze. Quanto queste saranno in grado di nutrirci e far scorrere in noi nuova linfa, bè, qullo dipende molto da noi, ed in questo caso anche dalla nostra forza di volontà. Lo stesso Robbins racconta l’aneddoto di un accordatore che si recò a casa sua per fare degli aggiustamenti sul suo pianoforte a mezza coda. Al momento di congedarsi costui gli disse”Non si preoccupi per il conto,salderà la prossima volta”.”Perché, non abbiamo finito?”,chiese Robbins.”Tornerò domani, poi una volta alla settimana per tutto il prossimo mese. Poi tornerò ogni tre mesi per tutto il resto dell’anno.” Robbins era allibito, ma poi capi’ che le corde del suo pianoforte erano molto robuste, e che per mantenerle al perfetto livello di tensione andavano condizionate regolarmente, finchè la fibra non si abituasse a rimanere a tale livello.
    Questo, secondo me, è il compito che attende chi ha partecipato al seminario di Robbins, o ad esperienze simili, e si prefigge l’obiettivo di un benessere più duratuto:condizionare quanto appreso e vissuto, rinforzarlo subito, allenarsi a farlo diventare parte di noi.
    Fabrizio Boschetti.

     
    • Luigi Miano

      30 settembre 2009 at 5:15 PM

      Grazie Fabrizio,
      è il commento più lungo che abbia mai ricevuto e si capisce quale impatto abbia avuo su di te questa esperienza. Sostanzialmente poi riesci a condensar molto bene quello che è il ricavato del seminario o meglio di questa esperienza di vita.
      Un abbraccio
      L.

       
  2. Mario

    14 dicembre 2009 at 12:36 PM

    Ciao Luigi,
    mi unisco anch’io nel ricordo del seminario UPW; anche se è passato qualche mese è ancora un’esperienza vivida, di quelle che poi segnano il tuo modo di vedere il mondo. Non tanto perché poi vedi qualcosa di diverso ma perché inizi a vederlo con altri occhi non dando più per scontante e inevitabili le tue reazioni di fronte alle esperienze che fai. I libri di Robbins,la PNL, così come l’esperienza dal vivo al seminario hanno il merito di renderti profondamente responsabile e consapevole che sei tu l’artefice di quello che ti accade.
    Ciao Luigi e complimenti per il blog, non sono molti nella nicchia della PNL e della Comunicazione quelli che curano i contenuti come te. T’invito a visitare il mio.

     
    • Luigi Miano

      14 dicembre 2009 at 12:46 PM

      Grazie Mario del tuo commento vengo subito a visitare il tuo sito.
      benvenuto ed a presto
      Luigi

       
    • Luigi Miano

      14 dicembre 2009 at 12:53 PM

      Ben fatto il tuo sito ed interessante se ti va possiam fare a scambio di link.

       
  3. Mario

    14 dicembre 2009 at 1:37 PM

    Volentieri, ti segnalo che ti avevo anche scritto un’e-mail per proporti lo scambio di link ma mi è arrivata la notifica che non è arrivata. Verifica che la tua casella di posta sia OK. Ti aggiungo con piacere al mio blogroll. Ciao, Mario

     
  4. martinonigi

    29 luglio 2014 at 12:18 PM

    Un personaggio di primordine, da approfondire sotto ogni aspetto, spero prima o poi di incontrarlo dal vivo, visto ce scambiate link, vi lascio questo http://antonyrobbinsfree.wordpress.com/

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: