RSS

DAVID ICKE A ROMA

02 Mag

Sabato ho avuto l’onore di poter ascoltare per più di dieci ore di fila David Icke http://www.davidicke.com/ in conferenza a Roma.

Alcune osservazioni in primo luogo sullo stile di Icke:

  1. David Icke è fondamentalmente un divulgatore e quindi non c’è da aspettarsi nelle sue conferenze un approccio da grande conferenziere. Icke usa moltissimo le slides e viaggia a ritmi incalzanti;
  2. David è molto molto generoso sulla quantità di informazioni che diffonde. Direi anche troppo perchè si fa fatica ad assorbire una quantità così generosa di notizie.
  3. Egli è molto umile ed etico sia nell’approccio che nella gestione economica dell’evento (che costa veramente poco in relazione al valore).
  4. David non dice credete a quello che vi sto portando qui ma ALLARGATE LE VOSTRE VEDUTE. Ci costringe a pensare diversamente e questo è quello che apprezzo maggiormente di lui.

Altre osservazioni collaterali all’evento:

  1. Nonostante Icke sia un autore estremamente di rottura e rivoluzionario è riuscito a mettere insieme più di mille persone (la sala era gremitissima con persone in piedi)! Questo mi fa pensare che c’è un clima di cambiamento molto forte in atto.
  2. Ho sentito sulla mia pelle una energia collettiva notevole. C’era in quella sala un clima particolarissimo di grande positività. ENERGIA COSTRUTTIVA
  3. Ho conosciuto persone particolarmente evolute e questo fa sempre un enorme piacere.

Voglio sintetizzare il messaggio principale di qusta giornata e girarlo a te lettore di questo blog:

E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI PRENDERE COSCIENZA E COMINCIARE A GUARDARE LE COSE DIVERSAMENTE DA COME APPAIONO.

E’ IL MOMENTO DI INFORMARSI REALMENTE LASCIANDO PERDERE I MEDIA TRADIZIONALI.

E’ IL MOMENTO DI FARE NETWORK.

E’ IL MOMENTO DI COMINCIARE A LIBERARSI DA UNA SITUAZIONE DI VITA QUOTIDIANA IN CUI SIAMO STATI MESSI DI SEMI-LIBERTA’.

E’ IL MOMENTO DI DECIDERE E SCEGLIERE.

Ti invito caldamente a guardare attentamente cosa accade intorno a te, nel mondo e cercare di non fermarti a quello che ti stanno raccontando (sono un mucchio di frottole). Ti invito caldamente a preservare con le unghie e con i denti la tua libertà personale che è messa seriamente in pericolo e lo sarà sempre di più!

Non mollare mai!

Luigi

Scarica il mio audio gratuito “La ricerca della felicità” :

http://luigimiano.com/blog/audiolibro/

Annunci
 

Tag: , , , , , , ,

6 risposte a “DAVID ICKE A ROMA

  1. Raffaele

    2 maggio 2011 at 11:08 AM

    Ciao Luigi,
    non conosco molto Icke, ma, per quanto mi è dato capire, la sua posizione è simile al debunkering, sul piano del metodo almeno: decostruzione delle cosiddette verità ufficiali o semi-verità, che sono particolarmente diaboliche, per far entrare in una cornice nuova semi di nuova conoscenza e consapevolezza. In linea di massima, va bene. Sarei tentato di dire, perdona la grossolanità: e chi mai potrebbe affermare il contrario, ossia che non va bene? Ma, a ben scrutare dentro questo tipo di approcci, si coglie una certa linea d’ombra, che si chiama una tensione troppo marcata al complottismo. Al “dietro le quinte”. Sempre in funzione della liberazione dell’individuo, di cui si celebra il potere e l’empowement costante (caratteristica molto americana, e del tutto apprezzabile), ma posizione ristretta, una cornice di cui stento a cogliere i fondamenti, per usare una parolona: epistemologici. Quel che, invece, oggi sarebbe più che mai necessario è, a mio avviso, un ritorno ai fondamenti e ai fondamentali dell’essere, del vivere e del con-vivere. Attraverso l’etica delle virtù, una visione antropologica chiara, una ridefinizione delle categorie di fondo dell’economia, dell’impresa e della vita, tra cui “leadership”, “management”, “felicità”. Insomma, un processo di educazione che conduca alla formazione. L’educazione è una parola, passami il termine, sputtanata, ma gloriosa, e andrebbe ricollocata nella giusta dimensione. Perché essa riconduce correttamente ed efficacemente alla formazione. Nel contesto della quale, anche le intuizioni di Icke diventano più chiare e potenti. Forse, anzi, faremmo anche un servizio allo stesso autore. Saluti e a presto, Raffaele

     
    • Luigi Miano

      2 maggio 2011 at 11:43 AM

      Ciao Raffaele,
      grazie per il tuo commento.
      Io credo che abbia parte di ragione nel sostenere che queste teorie complottiste nel complesso non costruiscano e non portano ad un rinnovamento. Quello che apprezzo di Icke è che ti costringe ad ampliare i confini al di là della viridicitàò dei contenuti. Per il resto sfondi una porta aperta come : bisogna ricostruire la felicità poggiandosi sulle virtù e sulle potenzialità e l’amore. Quest’ultima visione è quella che mi rispecchia di più e su cui lavoro da tantissimo e su cui voglio costruire dei network.
      Un abbraccio
      Luigi

       
      • Raffaele

        3 maggio 2011 at 2:10 PM

        Concordo con l’ultimo punto e, per fare un passo ulteriore, direi che quel che si tratta di recuperare o reinventare è un assetto generativo, vs un altro inibitorio. Non: “Io voglio evitare di…” o “Non voglio diventare povero”, ad esempio, ma: “voglio seguire la mia vocazione”, “Voglio diventare grande per aiutare gli altri a fare altrettanto”. “Auctoritas”=augere, far crescere. La radice della leadership è tutta qua: non autorità come esercizio funzionale del potere, ma autorevolezza come facilitazione dell’espansione del potere altrui (così chi fa questo ha realmente POTERE). Da questo punto di vista – anche io leggo Demartini, lettore di Leibniz e di molta metafisica -, gli americani sono sempre un passo avanti e noi, anziché seguire come pecoroni, la fuffa esteriore e gli effetti speciali, dovremmo, come fai anche tu, penetrare dentro gli archetipi generativi e i linguaggi della crescita. See you, best, Raffaele

         
      • Luigi Miano

        4 maggio 2011 at 9:17 AM

        Io adoro Demartini ed aspetto il suo arrivo in Italia: un autore illuminante. Le sue lettura fanno realmente la differenza!
        E sono profondamente d’accordo sul generare una mentalità costruttiva-propositiva anzichè inibitoria.
        Grazie Raffaele

         
  2. Fatima

    20 luglio 2011 at 10:30 AM

    Un mini trailer che ci anticipa questo spettacolare e interessantissimo seminario!

    Buona visione

    Fatima

     
    • Luigi Miano

      20 luglio 2011 at 11:04 AM

      Grazie Fatima!

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: