RSS

Tanti Manager pochi leader

19 Lug

 

Ieri mentre vedevo l’interessante video corso I segreti della Leadership, con Roberto Re e Robert Dilts, pensavo a quanta carenza di veri leader ci sia nel nostro paese.

 

Iniziamo dalla definizione di leader. Come sostiene anche Dilts il leader è capace di attrarre, di portare a sè, di creare correnti di pensiero. Il leader è un generatore. Il leader non deve semplicemente condurre le persone il leader crea.

 

Le caratteristiche del leader

  • Il leader ha una visione, un sogno in cui crede fermamente.
  • Egli è capace di coinvolgere e trascinare gli altri in questo sogno. Usando la passione e la comunicazioneEgli
  • E’ capace di coinvolgere e di far sentire gli altri protagonisti
  • Trasferisce poteri ad altri leader
  • E’ altruista e generoso
  • Ha una capacità di ragionare in termini di team ed organizzazione
  • E’ un coach, un allenatore delle potenzialità
  • Ha delle doti empatiche
  • Alleva generazioni di leader

 

Alcune riflessioni sulle caratteristiche

Ritengo che le doti elencate siano non comuni. Ciò non toglie che si tratti nella gran patrte di qualità allenabili.

Il leader ha bisogno prima di lavorare in profondità su sè stesso

 

I leader non si improvvisano. I leader falsi vengono prima o poi smascherati. I leader veri non sono interessati alla presa di potere. Sono interessati a che le cose funzionino, che le persone diano il massimo delle prorpie potenzialità. Il leader vero non ha bisogno degli altri per sfrutarli e piegarli alle proprie necessità. il leader vero crede negli altri ed ha grande rispetto per i suoi collaboratori.

 

L’esempio vivente

Il leader agisce attraverso l’esempio. Egli è l’incarnazione di tutto ciò che vuole veder realizzato nella sua organizzazione. Il leader non predica parole vuote. Il leader fa e poi trasferisce. E’ un esempio di coerenza ed integrità.

 

I valori

Il leader conosce a fondo i propri valori, quelli dell’organizzazione e quelli dei collaboratori e fa in modo che siano integrati. I valori sono per il leader i mattoni costitutivi dell’edificio. Se fragili tutto verrà giù fragorosamente. Ci vuole etica nella gestione dell’organizzazione.

 

Oggi il quadro è questo: tantissimi manager e pochissimi leader.

 

E’ una carenza grave che si riperquote sulla produttività, sull’economia. Oggi in  particolare abbiamo bisogno più di leader che di manager. Abbiamo bisogno di chi abbia la forza di far ripartire lungo la direttrice di un sogno. Di chi infiammi e motivi le persone.

Annunci
 

Tag: , , , , , , , ,

2 risposte a “Tanti Manager pochi leader

  1. dana

    19 luglio 2011 at 2:52 PM

    Tutti i veri leader sono stati uccisi, presto o tardi… nessuno di loro ha mai acetato di essere un politicante o un prete, un presidente, un capo di qualcosa, loro sono la libertà stessa, l’amore stesso, il rispetto stesso, la pura compassione, tutte nello stesso tempo… non possono impadronirsi di niente perché sono padroni del tutto… è un altra qualità, che non si può coltivare, imparare, praticare, è la natura umana stessa, vera… Osho è un vero leader dei nostri tempi, anche se ha lasciato il corpo avvelenato; la sua fiamma continua a vivere, continua ad accendere altre fiamme… Tutti gli altri che si intitolano leader non hanno niente a che fare con la qualità di leader; mentono se stessi e gli altri, una bugia planetaria, globalizzata, in un mondo ipnotizzato, ipnotico ed auto suggestionato, in un mondo in cui uno sta copiando l’altro e nessuno si rende conto di quello che è in verità, tutti si immaginano di essere questo o quello… tutti vogliono essere umani, solo pochi riescono ad essere e questi devono stare al nascosto, per poter portare avanti il lavoro di un vero essere… tutti vogliono essere qualcosa, mai quello che è… l’essere umano è arrivato per l’ultimo su questo pianeta e fin adesso ha dimostrato di non essere degno di vivere su questo pianeta… ci sono delle eccezioni, ma un solo fiore in un’immenso deserto dimostra che c’è un potenziale che si può raggiungere, che il deserto può trasformarsi in un bel giardino… abbiamo soltanto il linguaggio di superficie, simbolico, esterno per esprimere l’interno, il profondo… da qui un grande fraintendere… chi può dimostrare che il verde è verde? Come si può dimostrare? In verità non c’è verde, non c’è pesce, tuono, moglie, cielo,ecc. C’è, o- al limite, c’è questo, o quello… noi abbiamo dato i nomi a questo o quello per aiutarci nella comunicazione, tutto qui… c’è una confusione globale, ci siamo pressi nelle proprie trappole così forte che nemmeno ci rendiamo conto di essere intrappolati… leader…dormi in pace, serenissima umanità!

     
    • Luigi Miano

      20 luglio 2011 at 8:55 AM

      Non so se Osho è stato un leader, ha lasciato un pensiero interessante. Per me non è un leader, lo è per te! Per me è stato un leader Martin Luther King, Gandhi, Nelson Mandela
      e molti altri.
      I leader veri sono destinati a soffrire opponendosi alle resistenze ma non è destino che muoiano tutti.
      Essere leader all’interno di una organizzazione economica non significa essere automaticamente dei martitri.
      Io ritengo che le qualità del leader possono essere sviluppate e non ci sia nulla di così irraggiungibile!
      Un saluto

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: