RSS

2° PROBLEMA: NON SAPERE VERSO QUALE DIREZIONE MUOVERSI

24 Apr

Continuo l’analisi dei singoli punti contenuti nel post http://luigimiano.me/2013/03/18/le-piu-grandi-difficolta-degli-esseri-umani/ che ritengo molto importante.

Uno dei problemi più rilevanti che affligge oggi l’umanità è quella che Victor Frankl definisce assenza di significato ed io aggiungerei cronica. Cosa significa in pratica? Che non si sa che senso abbia la propria esistenza ed a cosa serva.. Una delle domande più potenti che ho posto lungo il mio cammino è stata: A COSA SERVE LA MIA VITA? Prova anche tu… verrai scosso interiormente. Oggi nella gran parte dei casi ci si lascia vivere e non si chiede nulla a sé stessi. E poi si vive un senso di vuoto interiore e di ansia, inquietudine e malinconia se non vera depressione. Ma si butta la polvere sotto il tappeto e si tira avanti. E la vita perde significato e bellezza e diviene un vuoto contenitore privo di significati.

Lo scopo della vita

Ieri leggevo lo splendido libretto di Eckart Tolle Il senso vero della tua vita in cui egli distingue tra scopo primario e scopo secondario. Lo scopo primario è quello di essere nella presenza e nel momento perché non esiste null’altro che questo. Lo scopo secondario che ha comunque una funzione è proiettato sul futuro e non nel presente.

Sono d’accordo con il Maestro e l’essenza della nostra ricerca interiore dovrebbe essere proprio quella che dice. E’ pura energia femminile quella di essere accoglienti dell’attimo, del qui ed ora e che esso sia abbondante a ricolmarci di gioia. Ma il mio impeto guerriero e la mia energia “penetrativa” maschile mi dicono qualcos’altro. MI spingono a definire scopi di vita che mi trascinino verso la ricerca continua e soltanto sapere che esistono mi da una grandissima gioia. La gioia del significato secondo me discende dal sapere che c’è una direzione. Fosse anche una direzione che non riusciremo a completare in questa vita ma che ci sta in qualche modo forzando a cambiare e divenire esseri umani più grandi.

Moltissimi esseri umani amici coachee mi chiedono come possano fare ad identificare i propri scopi e la propria missione di vita. Io suggerisco questo: non sarà mai la ragione a definirli, ma l’intuito. Quindi bisogna adottare un altro approccio. Un approccio intuitivo e creativo alla vita che è esattamente l’opposto di quello che ci hanno insegnato alla scuola e non solo..

Bisogna sentirsi cullare dallo spirito e dalle correnti della vita a cui ci si può dolcemente abbandonare. Finché saremo con il coltello tra i denti nella vecchia logica competitiva difficilmente troveremo lo scopo. Finché vivremo nella mente e saremo seppelliti dalla sua spazzatura (pensieri, convinzioni, idee, immaginazione negativa) non riusciremo a venire in contatto con il nostro autentico sé ed allora sarà difficile sentire cosa siamo venuti a fare qui sulla terra. Arrendendoci all’anima, all’intuizione al vivere senza controllo esterno potremo cominciare ad intuire qualcosa.

Ti invito a cominciare a far caso ad ogni segnale  esterno della tua vita che possa indicare un filo conduttore, una strada autentica. Fai caso a ciò che ti viene detto da alcuni esseri umani più saggi, agli incontri a ogni sincronicità che potrebbe all’apparenza sembrare banale ma che in realtà vuole comunicarti qualcosa di profondo.

Ci tengo al tuo parere fammi sapere cosa ne pensi.

Con il cuore

Annunci
 

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: