RSS

LA POVERTA’ E’ UNA MALATTIA

21 Mag

La povertà è un disagio psicologico e spirituale che si riflette sulla materia. Essere poveri significa avere il senso della scarsità, di non potercela fare, di non arrivare a fine mese. Essere poveri significa che quando sto dando mi sento impoverito, che quando qualcuno fa quello che già sto facendo io penso che possa sottrarmi qualcosa. Il senso della carenza c’è sempre a prescindere..ed ho paura costantemente.

Ciò che si riflette nella materia è semplicemente una conseguenza di uno stato interiore. Sono povero fuori perché sono povero dentro.C’è dentro di me una energia bloccata che blocca il fluire dell’energia esterna.

poverta01G

La guarigione inizia dall’auto-osservazione. Cominciare a comprendere i miei pensieri, le mie convinzioni, le idee fisse sulla ricchezza. Osservare i miei comportamenti in merito al denaro, ai pagamenti, all’etica del denaro. Il contatto con il denaro ti sta causando disagio? E venire a contatto con la ricchezza ed i ricchi? Cosa pensi del denaro?

Coltiva le tue emozioni ed osservale. Provi avidità, cupidigia, senso di scarsità, malessere? Sono emozioni basse ed improduttive. Emozioni superiori: abbondanza, prosperità, successo, eccellenza, gratitudine sono le emozioni da invocare, provocare e cercare.

Se io provoco in me una emozione superiore e la stabilizzo dentro di me non sto togliendo nulla a nessuno. Sentirti prospero, abbondante, ricercare l’eccellenza attraggono uno stato mentale e fisico differente. 

Ciò che conta è sempre il lavoro pratico che viene fatto su di sé. Attenzione alla lamentela, ai giudizi, a ciò che diciamo a noi stessi, alla qualità dei pensieri. Questo mondo interiore sta producendo uno stato di benessere o disagio e povertà.

Non cercare la commiserazione vittimistica, non assolverti perché la gran parte dell’umanità si sente povera e lo diventa. Non ti nascondere dietro la crisi economica. Sono soltanto pretesti che ti permettono di eludere il lavoro su te stesso.

Guardati in profondità dentro. E soltanto a chi ha sarà dato ed a chi non ha verrà tolto anche ciò che ha. Non leggere questa frase del Vangelo come un principio spietato ma è soltanto la sintesi di quello che ho scritto prima.

Cosa ne pensi?

 

 

 

 

 

Annunci
 

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: